TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

Una donna è Trieste

04 / 10 / 2017 04-10

Trieste, città dal cuore mitteleuropeo e dall'anima multietnica è come sempre teatro di importanti iniziative culturali finalizzate a valorizzare le radici storiche del capoluogo del Friuli Venezia Giulia. Quest'anno, in onore dell'anniversario dell'imperatrice Maria Teresa, è stata organizzata una ricca stagione di manifestazioni (che proseguirà anche quest'autunno) volte a celebrare l'importanza che l'imperatrice ebbe per la città di Trieste. Si tratta del progetto "Una donna è Trieste" il cui nome nasce come un gioco di parole che parafrasa la raccolta di poesie di Umberto Saba (Trieste e una donna). Il progetto intende sottolineare il prezioso ruolo che ebbe l'imperatrice per lo sviluppo socio-economico della città di Trieste. (Per tutte le informazioni sul progetto visitate http://www.unadonnaetrieste.it/). Tra gli eventi in programma per quest'autunno: la mostra "Maria Teresa e Trieste. Storie e culture della città e del suo porto", organizzata dall'Erpac per la regione Friuli Venezia Giulia, che verrà inaugurata il 7 ottobre al Magazzino delle Idee e sarà aperta al pubblico fino al 18 febbraio del 2018; il convegno che come tema avrà "Mercantilismi, relazioni e pratiche. Commercio attivo, mercanti e Stato all'epoca di Maria Teresa d'Asburgo" che si svolgerà nelle giornate del 19 e 20 ottobre nel Magazzino delle Idee e sarà organizzato dall'Università degli Studi di Trieste; infine, il 26 ottobre, si terrà la tavola rotonda che svilupperà l'argomento "La tolleranza religiosa per una nuova città nella Trieste di Maria Teresa" al Museo Revoltella di Trieste. L'evento sarà organizzato dal Comune di Trieste e dall'Università degli Studi di Trieste. La stagione di eventi è veicolata da Promotrieste e da PromoTurismoFVG con appunto il progetto "Una Donna è Trieste" - condivisa da soggetti istituzionali - la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste, l'Università degli Studi di Trieste, l'Iniziativa Centro Europea, la Soprintendenza e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia, l'Autorità Portuale - e da altre realtà, quali le Comunità religiose e le numerose associazioni culturali e artistiche.