aprile 2018
aprile 2018
TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

Ecall: un salvavita a bordo dell’auto

24 / 04 / 2018 24-04



Auto che comunicano con le strade, che parcheggiano da sole: auto a guida autonoma e super accessoriate. Il mondo automobilistico sforna una novità al giorno: alcune sono innovazioni "frivole", altre invece, decisamente utili se non addirittura indispensabili per la sicurezza. È il caso di eCall, il dispositivo "salvavita" che dal primo aprile tutte le auto di nuova omologazione dei Paesi Ue devono avere (obbligatoriamente) a bordo.
Ecall, letteralmente "emergency call" è un apparecchio che, nel caso in cui la vettura subisca un forte impatto, chiama automaticamente il 112 (il numero di emergenza unico) fornendo una serie di informazioni utili per il soccorso: il luogo dell'incidente, il numero di passeggeri a bordo del mezzo, le condizioni del guidatore (se è cosciente o meno) e il tipo di carburante con cui la vettura è alimentata. Il pulsantino di emergenza può essere attivato anche manualmente dai passeggeri. L'obiettivo di questo dispositivo è quello di dimezzare i tempi di arrivo dei soccorsi, riducendo così il numero delle vittime sulla strada.
Grazie a eCall potrebbero essere salvate 2 mila 500 persone ogni anno: le vittime sulle strade Ue, infatti, sono più di 25 mila all'anno (135 mila, invece, i feriti gravi), secondo i dati forniti dalla Comunità Europea. Al momento, l'obbligo di dotare la propria auto di questo dispositivo si estende solo alle vetture per le quali è richiesta la patente B.