TORNA ALL'ELENCO
Immagine copertina news

Questione di visibilità

11 / 02 / 2019 11-02


Indossare il colore giusto: non sempre è questione di moda. Nel caso di pedoni e ciclisti che circolano lungo le strade di notte, un outfit ben studiato può salvare la vita. La parola d'ordine quando si pedala e cammina è visibilità!

Il giallo, ad esempio, è il colore che l'occhio umano percepisce meglio: ragion per cui gli indumenti e oggetti ad alta visibilità sono solitamente gialli oltre ad essere dotati di inserti retroriflettenti. Fondamentale, dunque, per la propria sicurezza, vestirsi con abiti chiari e catarifrangenti. I ciclisti devono inoltre dotare tutta l'attrezzatura di inserti riflettenti: casco, raggi delle ruote, pedali (anteriori e posteriori). È importante, inoltre, controllare che le luci della bicicletta siano perfettamente funzionanti. Ma cosa vedono (o non vedono) gli automobilisti di notte?Nella luce dei fari i conducenti distinguono pedoni e ciclisti solo a partire da una distanza di circa 25 metri. Se questi hanno un abbigliamento chiaro, la distanza diventa 40 metri, in caso di materiale rifrangente addirittura a 140 metri. Un test realizzato da VeloPlus (azienda di abbigliamento per ciclisti) mostra chiaramente cosa riescono a vedere realmente gli automobilisti che viaggiano a soli 50km/h al buio, mentre sorpassano o incrociano un ciclista. Si comincia dalla situazione più rischiosa (ciclista invisibile) a quella più sicura (ciclista con abiti ad alta luminosità e altri accessori rifrangenti). Lo stesso vale per l'automobilista che, per qualsiasi motivo, deve fermarsi e scendere dall'auto di notte. Il gilet ad alta visibilità è l'unico vero salvavita!

Guarda il video: https://www.youtube.com/watch?v=FuS5haCEejA&t=120s